Materiale
Informativo
avatar

Alessandro Marzocchi

4 anni fa

(all'origine pubblicato giovedi 16 agosto 2018 H 00:55:00)
Associazione
COMUNITA’ DI PUNTA ALA
assemblea soci 16 agosto 2018, relazione
Valorizzare Punta Ala è lo scopo di COMUNITA’, per conseguirlo è necessaria collaborazione fra tutti: Comune ed operatori, proprietari e residenti, ognuno per i suoi compiti ed interessi ma tutti insieme per rilanciarla, per questo COMUNITA' cerca più soci e ad ogni socio chiede più partecipazione.
Ci avviamo a chiudere la seconda stagione, anche se è passato soltanto un anno e mezzo: qualcosa abbiamo fatto ma diffidenza e pigrizia sono ancora da superare.

Qualche numero.
130 soci, ne abbiamo persi qualche decina che erano arrivati in blocco; un centinaio e più hanno confermato fiducia; sono arrivati una dozzina di nuovi soci.
La campagna soci 2018, vecchi e nuovi, ha portato 7.300 euro, ai quali aggiungere qualche donazione spontanea e raccolte ai concerti per 1.500 euro.
Ad oggi abbiamo speso 3.100 euro con previsioni di prossimi pagamenti per complessivi 5.800 euro.
L’assemblea di marzo aveva approvato spese complessivamente per euro 8.500.

Un anno fa (indice di argomenti).
non chiuderci ma aprire alla collaborazione
costruire il sistema Punta Ala
pensare al presente ma anche seminare per il futuro

I soci giudichino direttivo e presidente, ricordando che COMUNITA' è partita da zero e bisognava costruire quel che non c'era: una struttura, necessariamente immateriale (digitale).
Perchè solo gli strumenti digitali permettono di costruire e mantenere relazioni fra persone distanti.
Perchè molti interessati sono a Punta Ala solamente pochi giorni l’anno.
Per scelta di chi scrive la struttura è stata abbozzata con gli strumenti di mercato più economici e ritenuti più facili, ora è possibile pensarne una più solida presso Fondazione Rete Civica Milano: probabilmente è la realtà italiana più affidabile per la partecipazione attiva di cittadini attraverso strumenti digitali, per avvicinare cittadini ed istituzioni, vera necessità per una comunità come Punta Ala che vive poche settimane l'anno per cui senza strumenti digitali molti interessati devono dimenticare Punta Ala, e quasi tutte le lamentele parlano di abbandono: attenzione, cura sono i rimedi dell’abbandono.
Per il capoluogo la situazione è diversa solo nei numeri ma analoga nella qualità, se si considera l’interesse del Comune a migliorare il dialogo coi turisti e coi proprietari di seconde case.
Altro punto da ricordare: COMUNITA' è l'unica associazione aperta a tutti gl’interessati a Punta Ala, possono aderire - operatori, proprietari, residenti - è anche aperta alla collaborazione di tutti, collaborazione che ha offerto e chiesto, che continua ad offrire e chiedere.
Se COMUNITA', o il presidente, fossero un ostacolo per dare a Punta Ala una voce rappresentativa … ripartiamo da zero, ricordando che oggi nessuna associazione è aperta a tutti salvo COMUNITA’.
Se poi si vuol mantenere Punta Ala divisa … facciamo noi, sappiamo noi … inutile lamentarsi.

Per la guida di COMUNITA' è già necessario cominciare a pensare ad alternative: per me è guida di gruppo e non di una persona.
Mi scuso
* degli errori che ho fatto, cominciando da strumenti digitali che più d’uno ha ritenuto non abbastanza facili.
* per non essermi dedicato come avrei voluto agli eventi per quest'estate ed all'informazione verso soci e tutti, sono stato preso da impegni dietro le quinte.
* per avere proposto obiettivi che più d’uno ritiene utopici.
Queste le critiche che ho capito, ce ne saranno altre che non ho capito, avete tutto il diritto di farle.
COMUNITA' deve andare nella direzione scelta dai soci, che dovranno fornire i mezzi necessari: l'assemblea è l’occasione ideale per manifestare critiche e desideri, senza dimenticare che mail e blog sono disponibili tutto l’anno.

La mia convinzione è che Punta Ala ha alcune caratteristiche rare, sulle quali puntare per valorizzarla.
La cura costante del Comune è necessaria ma non basta, il rilancio non è facile ma a Punta Ala abbiamo esempi ed esperienze utili su cui lavorare:
* per cercare ospiti e far loro scegliere Punta Ala e non solo aspettarli,
* per accoglierli e seguirli nel modo migliore, anche per loro e non solo per noi,
* per curare la loro soddisfazione affinchè tornino e siano ambasciatori convinti,
più di un’azienda fa questo, le competenze di base ci sono: si tratta di fare sistema, questo è il passo 2, ipotizzato da un gruppo spontaneo e per il quale Fabrizio Felici ha realizzato un’ottima sintesi, dobbiamo andare avanti come gruppo, perchè finora è mancata una collaborazione diffusa e sentita di componenti importanti di Punta Ala e qui ognuno rifletterà con sè stesso; i proprietari hanno bisogno di residenti ed operatori, ma questi ultimi sono senza futuro senza i proprietari.
Neppure vedo futuro se ognuno non capisce che pagare le tasse oppure offrire il meglio non basta a rilanciare Punta Ala, occorre anche una promozione ampia che nessuno farà se non noi ... tutti insieme.
Per questo ho cercato maggiore partecipazione di soci e direttivo il quale solo da un mese muove i primi passi di collaborazione, ma è ancora lavoro di qualcuno e non è lavoro di gruppo.
Non dimentichiamo che siamo partiti da zero, si è lavorato per progettare ed anche per ramazzare in terra: penso a chi ha rassettato la Chiesa dopo i concerti, a chi ha camminato per distribuire volantini e programmi, l’anno scorso questi aiuti non ci furono, quest’anno si, l’anno prossimo sogno più teste, più gambe, più braccia, più coordinamento e programmazione.
Anche per fare esperienza è opportuna una turnazione nella guida, ed è già tempo per prepararla, senza averli sentiti credo che gli amici del direttivo, presidente in testa, siano disponibili a far posto ad altri pronti ad impegnarsi in modo trasparente per tutta Punta Ala.

Il Sindaco ha riconosciuto che il Comune ci ha trascurato a lungo, pur con gran ritardo da qualche mese il Comune ha in corso opere rilevanti di manutenzione.
Protagonisti importanti della nostra frazione hanno seguito i primi passi di COMUNITA' con amicizia e disponibilità, penso ad Andrea Ansaldi, Gallia Palace Hotel, Fernando Damiani (Bussola, Gymnasium, campo di golf), MPA ed YCPA (Marina di Punta Ala, Yacht Club).
Penso alle camminate autunnali di Renato Lessi per raccogliere firme sulle richieste presentate al Sindaco (nel contesto del post Punta Ala chiede attenzione al Comune), penso ai due viaggi di Renato a Milano per incontri di semina.
Non così numerosi come desideravo, ma più di un amico, socio, consigliere ha contributo a quel che abbiamo realizzato: Valfredo Di Mase, Carla e Fabrizio Felici, Giancarlo Ferrero, Giorgio Fontana, Alberto Grossi, Carla Mormino, Vic Poppi, Chiara Rusconi, Giulia Rusconi, Francesco Verrienti, Giorgio Villa, Duccio Zanchi.
Non tocca solo Punta Ala la crisi 2018 del turismo ma i nostri interessi sono a Punta Ala ...

Non io ma noi dobbiamo scegliere l'identità di Punta Ala, decidere la sua collocazione e come realizzare il suo futuro: anche se non facili, gli strumenti digitali ci aiuteranno.
Guardando al futuro, ancor più importante dell'ammissione del Comune di avere trascurato Punta Ala, è coinvolgere tutti gl'interessati - operatori, proprietari, residenti - nelle scelte sulla destinazione di quanto il Comune ha stanziato per la nostra frazione e da spendere nei prossimi due esercizi.
Ogni commento che pubblicherete darà forza alla richiesta e questo dipende da ogni singola persona. Pubblicare un commento è facile, in questo caso aprite il blog all’indirizzo https://c-puntaala.blogspot.com/2018/07/caro-comune-bentornato-punta-ala.html.
Poi andate in calce all’ultimo commento pubblicati, qui trovate l’area” Inserisci il tuo commento ...”, scrivete quel che volete e premete invio.
Non ripeto perché la pubblicazione del commento non è immediata, resto a disposizione per spiegarlo a chi lo chiederà (mail: comunitadipuntaala@gmail.com).
Altra novità da segnalare è la disponibilità di un sondaggio on line simile al sondaggio già condotto fra i soci ed ora disponibile anche per non soci e che sarà chiuso a fine stagione.
Credo i fondi stanziati dal Comune si possano destinare ad attività materiali ma anche immateriali che elenco in ordine alfabetico: calendario eventi di tutta Punta Ala disponibile su web; eventi culturali, d’intrattenimento e concerti; formazione e tempo libero per i residenti; guardia medica; presenza vigili non solo per reprimere ma anche per educare; sentieri ciclabili e pedonali; strumenti per collaborazione digitale.
COMUNITA’ invita ogni interessato a segnalare le cose da fare, per farlo proporrà a breve un elenco con vari argomenti ma al quale potranno essere aggiungere altri.
Come la biciclettata, anche questa iniziativa viene da un gruppo spontaneo formatosi durante gl’incontri aperti del sabato, nato per impulso di Valfredo Di Mase che ha accettato di seguirla e coordinare il gruppo di lavoro sondaggi, composto da Valfredo, Carla Mormino e Giorgio Villa, ma al quale hanno partecipato anche Carla e Fabrizio Felici, Giancarlo Ferrero, Francesco Verrienti.
Ogni interessato è invitato a contribuire, chiederemo appoggio e collaborazione a tutta Punta Ala col desiderio di consegnare al Comune un elenco partecipato quale base per scegliere i prossimi interventi per Punta Ala.
Il cd codice terzo settore introduce una nuova normativa che potrebbe interessare anche la nostra associazione, pur convinto delle qualità professionali del nostro commercialista, dr Angelo Magagnini che ci suggerisce di attendere, chiedo ai soci giuristi e commercialisti di partecipare ad un gruppo autonomo che ci consigli nelle scelte da fare: per questo sollecito la loro disponibilità.

Ho denunciato diffidenza e pigrizia incontrare: qualche esempio.
Calendario web. Per sperimentarlo abbiamo chiesto collaborazione (anche al Comune): chi non ha risposto, chi ha aveva altre priorità, chi ha delegato il consulente esterno il quale si è fermato dopo la prima risposta, chi aveva problemi tecnici da risolvere.
Rinnovo l’offerta di disponibilità, ho scocciato troppo e non voglio più scocciare nessuno, ogni interessato ha il mio indirizzo mail ed il mio telefono ...
Concerto jazz. Più o meno a primavera si è presentata la possibilità di organizzare un concerto jazz di qualche richiamo al costo stracciato (mi dicono e ci credo) di 5 mila euro. L’ipotesi era di tenerlo al campo polo, nelle immediate vicinanze dei bagni chiamati a contribuire con 500 a testa: il tempo disponibile era poco e nonostante la richiesta all’associazione stabilimenti balneari … il concerto non è stato fatto.
Rinnovo pubblicamente la richiesta chiedendo una risposta entro l’anno, non scoccerò più nessuno.
Informazione, passaparola verso clienti. COMUNITA’ ha chiesto a tutti o quasi fra agenti immobiliari ed amministratori di condominio di informare i propri clienti (… quante assemblee di condominio?) sulla possibilità di far sentire la propria voce partecipando al sondaggio on line: sono convinto che pochissimi, forse nessuno, ha dato seguito alla richiesta; nessuno era od è obbligato ma la collaborazione è bassissima.
Mi ripeto: il futuro di Punta Ala non devo deciderlo io ma noi, non io ma noi dobbiamo lavorare per realizzarlo: continuiamo ad aspettare, a chiedere ad altri?
Neppure è un bel segnale il vasto disinteresse alla proposta di collaborazione con Altis, Università Cattolica, per uno studio di fattibilità finalizzato al rilancio di Punta Ala: solo 5 soci su oltre 100 hanno manifestato disponibilità a contribuire al finanziamento per 200 (duecento) euro a testa.

Grazie a chi da dato, fatto qualcosa, sono sempre convinto che il futuro di Punta Ala dipende soprattutto da noi di Punta Ala e, ovviamente, anche dal Comune.
Prima di chiudere, qualche informazione sugli eventi che il direttivo sta preparando per chiudere questa stagione 2018.
* venerdi 17 agosto, l’ormai meritatamente piùkkefamosa biciclettata proposta da Carla Felici Segoloni che l’ha organizzata insieme a Victor Poppi, Francesco Verrienti i quali hanno coinvolto mezzo mondo: mille volte bravi!!!
Mi piace che questo evento, e quest’anno non è l’unico, nasca dal basso: proposta, progetto ed organizzazione di piccoli gruppi spontanei.
* martedi 21 agosto, allo Ycpa gentilmente concesso (grazie!!!) ospiteremo Elena Cattaneo, universitaria, ricercatore e senatrice a vita la quale illustrerà brevemente un tema che attraversa aspetti medici, scientifici, umanitari: la corea di Huntigton, argomento sul quale porterà testimonianza diretta di vita vissuta e ricerca scientifica chiedendo ai presenti di contribuire alla raccolta fondi per ricerche e studi sulla malattia.
* data e luogo da definire, Fabrizio Felici, già project manager all’ESA, Agenzia spaziale europea, illustrerà questa eccellenza europea, un trampolino verso domani.
* data e luogo da definire, Carla Mormino, universitaria e presidente del Consiglio nazionale degli attuari, presenterà la sua professione, sconosciuta a molti ma alla base di problemi attualissimi … cominciando da finanza e pensioni. Quello dell’attuario è un mestiere antico di oltre 2mila anni ma anch’esso è trampolino verso il futuro: attualizza ad oggi previsioni su ciò che probabilmente avverrà.
* aspetto che Tutela e Vivere diano indicazioni per versare alla onlus insieme in rosa la metà dei contributi raccolti in sala durante i tre concerti, non l’unico gesto di collaborazione.
* nei fine settimana del 25-26 agosto, 1-2 settembre, 15-16 settembre incontri aperti con Punta Ala, chi ci lavora, chi ci vive: per l’ennesima volta COMUNITA’ offre e chiede collaborazione e lo farà presentando due documenti concretissimi: un futuro per Punta Ala (nel contesto del post Cronaca incontro del 4 agosto) e l’elenco delle cose da fare, documento aperto per consultazione partecipata.

Un anno fa (COMUNITA’ chiedeva).
Giovani o meno servono volontari per:
* aiutare nei vari eventi, dobbiamo migliorare informazione e distribuzione inviti, accoglienza sul posto, raccolta fondi.
* aiutare nel digitale, web, social.
* aiutare con videoregistrazioni.
* aiutare in funzioni di segreteria.
* ospitare gl’invitati nei pernottamenti.

Sereni, tranquilli - non scoccerò oltre senza vedere fatti concreti di partecipazione, adeguati agli obiettivi suggeriti.
Bisogna … sarebbe bene … potreste fare e simili: pagando il giusto risponderò, se faremo insieme sarò disponibile gratis.

Commenti
* Marco Broccatelligiovedì 16 agosto 2018 20:38:00 CEST
Caro Presidente grazie per la disponibilità ed impegno nella gestione dell’interessante Assemblea appena terminata questa sera, vorrei approfittare per mettere in evidenza all’attenzione dei Soci la seguente pagina Facebook https://www.facebook.com/groups/39513962127/
Sembra creata da un gruppo di giovani amanti/frequentatori di Punta Ala che ha più di 1300 iscritti, può essere uno spunto di riflessione su quello che potremmo fare con la Comunità ed anche un ulteriore interlocutore da con il quale trovare possibili sinergie.
Grazie e buona serata a tutti
Marco Broccatelli
* Comunità di Punta Ala venerdì 17 agosto 2018 07:07:00 CEST
Marco, chiamami Duccio.
Ad autunno avvieremo la migrazione verso Fondazione Rete Civica Milano - https://www.fondazionercm.it/ - e con loro valuteremo, anche il gruppo che segnali. Però ...
qualunque sia il mezzo (bacheca, lavagna, messaggi in bottiglia, piccioni viaggiatori ...) è importante il contenuto ed è crisi se i contenuti dipendono da una sola persona.
Quindi: grazie per questo tuo contributo, invito tutti a seguirlo.
Vivo in prima persona le difficoltà del nuovo, per questo le capisco ma assicuro che per chi legge e scrive mail, per chi frequenta Facebook, per chi cerca qualcosa su Google ... bastano pochi minuti per fare i primi passi nel "nuovo".
Fai questo; no per me è meglio quest'altro; io sono convinto che il primo problema è quest'altro ancora ... un amico ha suggerito di mettere ordine nelle priorità: a giorni cominceremo a proporre pubblicamente la lista delle priorità, grazie al gruppo sondaggi guidato da Valfredo Di Mase.
... sbrighiamoci, affrettiamo il passo ...

Nessuna risposta inviata